Consulenze: Lavoro e Sicurezza nel settore agroalimentare

Consulenze: lavoro e sicurezza nel settore agroalimentare by OmniaAgroalimentare.it

OmniaAgroalimentare.it non può trascurare un ambito di consulenza così importante come Lavoro e Sicurezza, quanto obbligatorio e per legge e per garantire salubrità sul luogo di lavoro. Tristemente, l’Agricoltura rappresenta uno dei settori a maggior rischio per infortuni invalidanti e il primo settore per infortuni mortali. A questo va aggiunto che coloro che lavorano nel settore agricolo sono quelli con maggior rischio di contrarre malattie professionali in quanto il settore ha il primato anche per questo. La prevenzione e sicurezza sul lavoro costituiscono quindi un aspetto estremamente rilevante nella conduzione di un’azienda agricola.

Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione della normativa sulla prevenzione e sicurezza sul lavoro che ha tenuto conto delle diverse situazioni, ambienti di lavoro e delle attività svolte nel settore. Con riferimento al settore agricolo vi è stata una razionalizzazione delle misure di tipo normativo e di accompagnamento finalizzata ad introdurre nelle imprese e nelle diverse figure che vi operano una vera e propria cultura della prevenzione dei rischi igienico sanitari e le informazioni, conoscenze e competenze per ridurre i rischi di infortuni e di malattie croniche collegate al lavoro agricolo, migliorando sul piano del binomio lavoro e sicurezza.

A differenza di altre norme, che riguardano la sicurezza alimentare, dell’ambiente e il benessere animale, la normativa sulla sicurezza sul lavoro non è entrata a far parte del “pacchetto” della “condizionalità” previsto dalla Regolamentazione europea per avere accesso ad aiuti diretti e/o alle diverse agevolazioni previste dalla Politica Agricola Comune. Tuttavia, considerata l’importanza dell’argomento molte regioni l’hanno introdotta tra i requisiti per l’accesso ai finanziamenti pubblici comprese quelli previsti dai piani di Sviluppo Rurale.

L’attuale normativa si basa sul Decreto Legislativo 81/2008 (entrata in vigore a partire dal 15 maggio 2008) meglio noto come Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro (TUSL.) che riguarda tutti i settori e quindi anche l’agricoltura e sui diversi aggiornamenti e circolari che si sono susseguite dalla sua emanazione ad oggi in tema di lavoro e sicurezza.

Il Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro sancisce l’obbligo di introdurre in ogni azienda, un “modello organizzativo” diretto alla sistematica individuazione e rimozione o diminuzione dei fattori di rischio presenti per tutti coloro che vi operano. L’obiettivo generale del T-U. è il miglioramento continuo delle misure per la prevenzione e sicurezza sul lavoro. Nello specifico gli obiettivi del TUSL. sono riassumibili nei seguenti punti:

  • Valutazione di tutti i rischi per la salute e la sicurezza.
  • Programmazione prevenzione integrata con adozione di tecniche produttive migliorative.
  • Programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento dei livelli di sicurezza.
  • Eliminazione/riduzione dei rischi, soprattutto a monte, in relazione alle conoscenze acquisite sulla base del progresso tecnico.
  • Idonea scelta delle attrezzature e della definizione dei metodi di produzione.
  • Corretta ed adeguata formazione e informazione dei lavoratori, dei dirigenti e preposti, dei rappresentanti dei lavoratore.
  • Limitazione dei lavoratori esposti al rischio.
  • Limitazione dell’impiego di agenti chimici, fisici e biologici.
  • Sostituzione di tutto ciò che potrebbe essere pericoloso con ciò che non lo è e che lo è meno.
  • Adozione prioritaria delle misure di protezione collettive rispetto a quelle individuali.
  • Controllo sanitario periodico dei lavoratori.
  • Attuazione di misure di emergenza in caso di primo soccorso, lotta antincendio, evacuazione dei lavoratori in caso di pericolo grave e immediato.
  • Utilizzo di segnali di avvertimento e sicurezza.
  • Svolgimento di una regolare manutenzione di ambienti, attrezzature e impianti.

La prevenzione primaria sull’ambiente (miglioramento delle condizioni di lavoro e delle attrezzature) e sull’uomo (educazione dei lavoratori) rappresentano i principali strumenti per impedire il verificarsi di patologie ed infortuni. É proprio nell’ambito degli interventi di informazione e di educazione in tema di Lavoro e Sicurezza che rientrano le nostre consulenze.